LEGGE 75 “CARA SIGNORA MERLIN”

LA 'PRIMA' PER MEDICI SENZA FRONTIERE

Debutterà a Lecco il prossimo sabato 8 aprile lo spettacolo teatrale “Legge 75 - Cara signora Merlin”, diretto dal regista Daniele Cauduro e messo in scena dagli attori della Compagnia del Lago.
Lo spettacolo racconta la vita delle donne nelle case chiuse e la loro posizione verso la Legge 75, che portò alla chiusura delle case di tolleranza. La testimonianza è resa grazie alle numerose lettere che queste ragazze scrissero alla senatrice Merlin, lettere che poi vennero pubblicate in un libro-raccolta epistolare dal titolo "Cara senatrice Merlin: lettere dalle case chiuse", che ha ispirato il regista nella creazione dello spettacolo.
Nel cast gli attori Elisabetta Molteni, Stefania Valsecchi, Alice Pavan,Elisabetta Rigamonti e Alessandro Ravagnati.
Lo spettacolo andrà in scena alle ore 21:00 di sabato, presso la Sala Teatro Ticozzi di via Ongania 4 a Lecco. Anche quest'anno è attiva la collaborazione della Compagnia del Lago, diretta da Elisabetta Molteni, con MSF: infatti parte del ricavato della serata verrà devoluto alle opere di Medici Senza Frontiere per i loro interventi nel mondo.
Per questa serata speciale sarà possibile parcheggiare gratuitamente l'auto sul retro della Basilica San Nicolò, nell'area ex-Faini, che sarà aperta esclusivamente per il pubblico dello spettacolo.

LE PAROLE DEL REGISTA DANIELE CAUDURO:

Fragili, dure, arrese, impaurite ma soprattutto oneste. Queste le parole che più spesso ricorrono nelle numerosissime lettere inviate dalle “signorine” alla senatrice Lina Merlin prima che promulgasse la tanto controversa legge 75 del 1958.
L'incontro con la vita e la verità di queste donne, attraverso il loro racconto epistolare, è la chiave di lettura di questo racconto, libero da qualsiasi tipo di opinione politica ma attento alla poesia velata nascosta dietro la sofferenza .
Fidalma, Salomè, Paloma sono le donne che incarnano vita, passioni e dolori di quel mondo “chiuso” dentro alle case. Ne delineano ogni aspetto, passando dal gioco esasperato del loro mestiere alla statica e fredda realtà del loro destino marchiato.
Vivono insieme nel ricordo di Alma, madam in pensione, malata e stanca.
Giacomo Manara, unica presenza reale maschile, è un giovane redattore che la incontra per una reportage contro la Legge Merlin.

Per altre informazioni e dettagli è possibile scrivere alla Compagnia del Lago all'indirizzo: info@compagniadellago.org.